Orticaria: le nuove linee guidaL’orticaria è uno tra i disturbi della pelle più diffusi e più “capricciosi”. Colpisce indistintamente sia gli uomini sia le donne, interessando oltre il 20% delle persone, in particolar modo nella fascia di età compresa tra i 20 e i 50 anni, sebbene si possa manifestare anche in altri momenti nel corso della vita.

I sintomi dell’orticaria

L’orticaria è un’infiammazione acuta della pelle, scatenata dall’aumento improvviso dell’istamina, composto chimico organico presente in alcune cellule specializzate dell’organismo umano, dette mastociti. Una sua messa in circolo abnorme diviene causa di manifestazioni allergiche.


LEGGI ANCHE: Un antiossidante sarebbe capace di ringiovanire i vasi sanguigni di 20 anni


Il disturbo si presenta con la comparsa improvvisa sulla pelle di una serie di puntini rossi leggermente in rilievo, accompagnata da prurito intenso. La quantità dei puntini, definiti “pomfi”, può variare: possono presentarsi in gran numero oppure essere pochi. Le aree del corpo più colpite sono viso, braccia, tronco e petto.

Le cause

Si possono distinguere due tipi di orticaria: l’orticaria su base allergica e quella non allergica. L’elenco delle cause scatenanti dell’orticaria allergica è piuttosto lungo e include: diversi cibi; additivi alimentari; farmaci; alcune piante irritanti; pollini; cosmetici; prodotti per l’igiene del corpo; indumenti sintetici; stoffe; sforzi fisici intensi e prolungati; stress.

Le nuove linee guida

Fortunatamente molte delle manifestazioni di orticaria scompaiono rapidamente con la medesima velocità con cui si sono presentate, generalmente in circa 24 ore. Il trattamento tipico consiste nell’assunzione di antistaminici che devono però essere presi immediatamente dopo la comparsa dei pomfi e del prurito. Sul pizzicore si può intervenire con farmaci specifici. Esistono anche forme croniche di orticaria, che compaiono e scompaiono ripetutamente. Per questa tipologia di manifestazione può essere utile il cortisone.


LEGGI ANCHE: Orticaria da freddo: sintomi, cause, prevenzione


Nel luglio 2018 sono state pubblicate le nuove linee guida relative alla classificazione, alla diagnosi e al trattamento dell’orticaria. Le nuove evidenze sono state sviluppate seguendo i metodi raccomandati dal gruppo di lavoro del Cochrane e del Grading of Recommendations Assessment, Development and Evaluation (GRADE).

La conferenza ha avuto luogo il primo dicembre del 2016, su iniziativa congiunta della Dermatology Section of the European Academy of Allergology and Clinical Immunology (EAACI), del Global Allergy and Asthma European Network (GA²LEN), dell’European Dermatology Forum (EDF), e della World Allergy Organization (WAO). Le linee guida sono state riconosciute dall’ European Union of Medical Specialists (UEMS).

Shares
Share This