Prescrizioni, operazioni chirurgiche, trattamenti medico-estetici, macchine elettromedicali, iniezioni intradermiche, aspettative del paziente, effetti indesiderati, consenso informato…

 

Ogni giorno nell’esercizio della nostra professione ci troviamo ad affrontare numerose problematiche che molto spesso hanno risvolti legali che non possiamo ignorare, ma anzi dobbiamo conoscere molto bene ed approfondire per tutelare il nostro lavoro e, soprattutto, per salvaguardare la salute dei nostri clienti.

 

Per questo motivo abbiamo pensato ad una sezione dedicata agli Aspetti legali in Dermatologia.

L’Avv. Elena Bassan, che ringraziamo per il suo prezioso contributo, affronterà periodicamente le questioni legali inerenti alla nostra professione, cercando di dare una risposta ai nostri dubbi sui temi legali in medicina.

 

 

 

 

 

ULTIMI ARTICOLI

Il medico deve informare il paziente della possibilità di rivolgersi ad una struttura meglio organizzata

Il sanitario che formuli una diagnosi sulla base di esami strumentali che non hanno consentito, senza sua colpa, la visualizzazione dell’oggetto dell’esame nella sua interezza, ha l'obbligo d'informare il paziente della possibilità di ricorrere ad un centro di più...

Scoperta inattesa di patologia grave e particolarmente aggressiva in corso d’intervento e consenso informato

Non dà luogo a responsabilità civile la condotta del medico che, nel corso di un intervento programmato, sottoponga il paziente a trattamento terapeutico maggiormente invasivo, in relazione al quale non sia stato originariamente prestato il consenso informato, qualora...

La struttura sanitaria risarcisce il paziente per colpa del medico: i presupposti per l’azione di rivalsa

In tema di danni da "malpractice" medica nel regime anteriore alla legge n. 24 del 2017, nell'ipotesi di colpa esclusiva del medico nella causazione di un danno al paziente, la responsabilità - nei conseguenti rapporti tra struttura e sanitario - dev'essere...

I confini della responsabilità del medico specializzando

Il medico specializzando gode di un’autonomia che, seppur vincolata, non può che ricondurre allo stesso le attività da lui compiute; e se lo specializzando non è (o non si ritiene) in grado di compierle deve rifiutarne lo svolgimento perché diversamente se ne assume...

Prestazioni medico-estetiche ed esenzione IVA

È onere dell’Ufficio dimostrare la natura meramente cosmetica della prestazioneLe prestazioni mediche di chirurgia estetica sono esenti da IVA in quanto sono ontologicamente connesse al benessere psico-fisico del soggetto che riceve la prestazione e quindi alla tutela...

Omessa diagnosi: quando può costituire reato?

In tema di colpa professionale medica, l’errore diagnostico si configura non solo quando, in presenza di uno o più sintomi di una malattia, non si riesca ad inquadrare il caso clinico in una patologia nota alla scienza o si giunga ad un inquadramento erroneo, ma anche...

Data privacy: no del Garante all’uso illecito dei dati degli accertamenti medici

Va considerato illecito il trattamento di dati personali effettuato da un’azienda sanitaria che mette le immagini dei pazienti, sottopostisi ad accertamenti medici, a disposizione di una società fornitrice di apparecchiature per la diagnostica, ponendo così in essere...

Omessa diagnosi di melanoma con esito mortale e danni risarcibili al paziente

In ipotesi di omessa diagnosi di melanoma che avrebbe comunque avuto un esito mortale per il paziente, resta fermo il diritto di quest’ultimo ad una corretta diagnosi e ad una corretta informazione che lo metta nella condizione di configurare la propria vita sulla...

La responsabilità del medico per interventi estetici

Qualora l’intervento medico abbia natura prettamente estetica e “voluttuaria”, cioè non sia necessario dal punto di vista terapeutico, e si configuri come un intervento standard, ovverosia routinario, il conseguimento di un risultato positivo per il paziente...

Il medico deve controllare il corretto funzionamento dei macchinari che utilizza

L’eventuale malfunzionamento dei macchinari non può essere dedotto dal medico come giustificazione per escludere la propria responsabilità posto che, in tal caso, il sanitario ha l’onere provare di aver verificato, o di essersi assicurato che fosse stata controllata...