Orticaria da freddo: sintomi, cause, prevenzione
Come il nome stesso evidenzia, l’orticaria da freddo è una reazione cutanea che si verifica quando la pelle è stata a diretto contatto con il freddo, manifestando come conseguenza pomfi arrossati e pruriginosi.

Il disturbo si presenta con maggiore frequenza nei giovani adulti, ma ne possono essere soggette persone di qualsiasi età.

Sintomatologia

L’orticaria compare generalmente nelle zone direttamente esposte al freddo, ma le lesioni possono interessare tutto il corpo.

Il prurito e il rush cutaneo sono variabili: possono scomparire nel giro di poche ore, nell’arco di diversi giorni o di alcune settimane, ma possono ripresentarsi.


LEGGI ANCHE: Dermatite atopica: una malattia non solo pediatrica


Anche la gravità dei sintomi varia molto da persona a persona. Determinati soggetti manifestano reazioni lievi. Altri individui, invece, possono avere reazioni severe, come abbassamento della pressione, dolore addominale, tachicardia e, nel peggiore dei casi, shock anafilattico.

Fattori scatenanti

Fra le cause che possono determinare l’insorgenza dell’orticaria da freddo possiamo ricordare:

  • L’esposizione a temperature esterne molto fredde;
  • Vento gelido;
  • Pioggia e neve;
  • Fare il bagno in una piscina con acqua fredda o in mare quando la temperatura dell’acqua è bassa;
  • Tenere in mano oggetti freddi.

Quando consultare il dermatologo

In presenza di una reazione cutanea a seguito dell’esposizione al freddo, è consigliabile rivolgersi al proprio dermatologo di fiducia che saprà indicare il trattamento specifico a seconda della gravità dei sintomi.

È inoltre fondamentale recarsi al Pronto Soccorso dopo un’esposizione al freddo, in presenza di sintomi quali: vertigini, difficoltà a respirare, sensazione di gola o lingua infiammate.

Come prevenire l’orticaria da freddo

La miglior forma di prevenzione in tutte le tipologie di orticaria è sempre cercare di evitare la causa scatenante. Se una persona è predisposta all’orticaria da freddo, quindi, è molto importante che cerchi di proteggere la pelle dalle basse temperature, dall’acqua fredda e dagli agenti atmosferici.


LEGGI ANCHE: Allergia al nichel: colpite soprattutto le donne


Nei mesi invernali, la cute di viso, mani e capo va sempre difesa indossando indumenti caldi come sciarpe, guanti e cappello. Sulle mani e sul viso va inoltre applicata una buona crema protettiva e nutriente.

Sono infine da evitare le bevande ghiacciate e i bagni in acqua fredda.

Shares
Share This