Qual è il rapporto tra rosacea e obesità?
Un nuovo studio pubblicato sul Journal of the American Academy of Dermatology ha evidenziato che il rischio di manifestare rosacea nelle donne sarebbe più elevato quando sono obese.

Per giungere a questa conclusione gli esperti hanno preso in esame i casi di quasi 90mila donne, monitorate per 14 anni. I ricercatori hanno così riscontrato il 48% delle probabilità di essere affette da rosacea nelle partecipanti il cui indice di massa corporea (IMC) risultava superiore a 35, rispetto alle donne che presentavano un peso normale.

Una persona inizia a essere considerata obesa quando ha un indice di massa corporea superiore a 30. Come evidenziato da Wen-Qing Li, principale autore dello studio, “tenendo in considerazione soprattutto lo stato infimmatorio cronico assocciato con l’obesità e i cambiamenti nei vasi sanguigni provocati dall’eccesso di peso, non bisogna sorprendersi del fatto che il rischio di rosacea possa crescere in chi è obeso“.


LEGGI ANCHE: Rischi dei tatuaggi: rilasciano nanoparticelle che possono arrivare fino ai linfonodi


Lo studio, prosegue l’esperto, pone per l’ennesima volta in rilievo l’importanza di “incoraggiare a mantenere un peso più sano per la salute e il benessere generali“.

Li e il suo team hanno identificato oltre 5.200 casi di rosacea, monitorati dal 1991 al 2005. Il rischio di manifestare la malattia non si è dimostrato più alto solo tra le partecipanti con indice di massa corporea superiore a 35, ma anche tra le donne aumentate di peso dopo i diciotto anni d’età.

Inoltre, le probabilità di sviluppare rosacea sono apparse superiori del 4% per ogni aumento di peso pari a 4 chili e mezzo. I ricercatori hanno anche notato percentuali di manifestazione della malattia decisamente più elevate con l’aumento delle misure di vita e fianchi.

Shares
Share This