Stampa dispositivi elettronici
Un team di ricercatori dell’Università del Minnesota, negli Stati Uniti, ha sviluppato un nuovo sistema che consente di stampare dispositivi elettronici sulla superficie della pelle.

Le caratteristiche del meccanismo, presentato ufficialmente nel mese di settembre del 2017, in occasione dell’International Conference on Intelligent Robots and Systems (IROS) di Vancouver, in Canada, sono state descritte nella rivista scientifica Advanced Materials.

Come sottolineato dagli ideatori, la nuova tecnologia rappresenterà un grande alleato per la Medicina, aprendo la strada a numerose applicazioni: dalla possibilità di impiantare sensori per monitorare l’organismo fino alla somministrazione di farmaci.

Stampa di dispositivi elettronici sulla pelle: il funzionamento

Prima del processo di stampa, sulla mano vengono posizionati i punti di tracciamento su cui saranno collocati i componenti elettronici. Una volta fissati i collegamenti, il sistema dà avvio alla stampa realizzata a temperatura ambiente con un inchiostro composto da nastri di argento.


LEGGI ANCHE: Un antiossidante sarebbe capace di ringiovanire i vasi sanguigni di 20 anni


Grazie alle sue proprietà, il dispositivo si adatta costantemente ai movimenti che avvengono sulla pelle.

Siamo entusiasti del potenziale di questa questa nuova tecnologia di stampa 3D, che utilizza una stampante portatile e leggera del costo inferiore ai 400 dollari“, ha commentato Michael McAlpine, professore associato di Ingegneria Meccanica nell’Università del Minnesota, nonché principale autore dello studio.

Il video illustra il funzionamento della nuova tecnologia.

Shares
Share This